La patata dolce, anche conosciuta come patata americana (per le sue origini) o batata è una radice tuberosa a differenza della comune patata che è un vero e proprio tubero. Oggi ti racconto le origini della patata dolce e ti farò vedere quali sono le migliori ricette salate da portare in tavola!

Patata dolce: benefici e valori nutrizionali

La patata dolce presenta elevate quantità di vitamine: in particolare, è ricca di vitamina A e di vitamina C, entrambe con proprietà antiossidanti, e di vitamina B6, utile per regolare il funzionamento del sistema nervoso e la sintesi della serotonina, ormone del buonumore.

Inoltre, più la polpa tende all’arancio più la batata è ricca di beta-carotene, sostanza che favorisce il benessere di pelle e vista.

In quanto a sali minerali, la patata americana è ricca di potassio, utile per abbassare i livelli della pressione sanguigna, e manganese, prezioso alleato delle ossa.

È anche ricca di fibre, utili per superare problemi come la stipsi e per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Quindi, la patata dolce, contiene prevalentemente carboidrati complessi e zuccheri semplici infatti l’indice glicemico della patata americana è piuttosto elevato e ciò la rende un alimento poco idoneo all’alimentazione del diabetico e dell’obeso.

Le proteine sono poco rilevanti e ancor meno i grassi. Discorso diverso per le fibre che appaiono invece parecchio abbondanti.

La patata dolce è

Antiossidante: come abbiamo visto, la patata dolce contiene numerose sostanze antiossidanti: le vitamine A e C, come pure il beta-carotene. La loro azione è indispensabile per rimuovere dall’organismo i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento e talvolta anche di malattie degenerative.

Energizzante: la ricchezza in carboidrati complessi fa di questo ortaggio un’ottima fonte di energia a rapido utilizzo. Sono quindi ottime per chi svolge attività fisica.

Lassativa: grazie all’elevato contenuto di fibre, il consumo di batata favorisce la mobilità intestinale.

Antistress: alcuni tra i sali minerali contenuti al suo interno, come ferro e magnesio, contribuiscono insieme alla vitamina B6 a ridurre i livelli di stress e a migliorare il tono dell’umore.

LA BUCCIA DELLA BATATA ROSSA: UN AIUTO CONTRO IL DIABETE

È proprio in questa parte dell’ortaggio che si concentra una sostanza, detta cajapo, la quale in diversi studi ha dimostrato di ridurre la glicemia basale e i livelli di colesterolo in pazienti affetti da diabete mellito di tipo II.

Infatti, il mio consiglio è quello di pulire bene la patata rossa con tutta la buccia, di tagliarla a cubetti e di cuocerla in forno!

Come cucinare la batata rossa?

La batata rossa è davvero versatile in cucina grazie al suo sapore dolce a metà tra la patata e la zucca e alla sua consistenza morbida si può impiegare sia in ricette salate che dolci!

Per la patata dolce , si possono adottare tutte le ricette salate normalmente impiegate per la patata: grigliata, al forno, bollita, fritta, per preparare gnocchi e purè, come contorno ai secondi.

È necessario però qualche accorgimento: la batata è molto più tenera della patata tradizionale e la sua cottura avviene in tempi molto più brevi. Se viene affettata troppo sottile, rischia di sfaldarsi molto facilmente come succede con la zucca.

La batata rossa può anche sostituire la zucca, nella preparazione di risotti e sughi, ripieni e torte, e la carota, condita a crudo nelle insalate miste o cucinata in zuppe e minestre.

Io cucino la patata dolce nelle ricette salate così: la lavo per bene e la metto intera nel microonde a massima potenza per 10-15 minuti.

In pochi minuti ottengo una patata dolce morbida, cotta alla perfezione con la buccia che si leva da sola!

Ecco le migliori ricette salate con la patata dolce:

Pizzette di patata dolce (clicca il titolo per andare a leggere la ricetta nel dettaglio)

Sono morbide, non hanno bisogno di lievito e di lievitazione, non bisogna impastare e non c’è pericolo di sbagliare: le pizzette di patate dolci sono perfette per un buffet o una cena organizzata all’ultimo.

In pochi istanti potrai servire delle pizzette calde soffici e fragranti

pizzette-fatte-in-casa-di-patate

Chips di patata dolce

La ricetta è semplicissima: taglia a fettine sottili la patata dolce con la buccia, sbollenta le rondelle per 5 minuti e condiscile con abbondante olio, pepe, sale e spezie a piacere.

Cuoci a 200 gradi per 15-20 minuti fino alla doratura completa!

chips-patata-dolce