Oggi ho preparato i pangoccioli fatti in casa e sono venuti proprio come quelli del pangocciolaro della Tuscolana, chi è di Roma sa di cosa parlo, per chi non lo sa invece qui a Roma i pangoccioli di SUPERCICCIO sono una vera e propria istituzione. Non so dirvi neanche quante sono state le volte che sono tornata a casa alle 4 di notte dopo aver fatto la fila per mangiarmi un pangocciole caldo e per portarne via altri 3/4 per la colazione mia e dei miei genitori.

Sofficissimi, lucidi, con quel sapore di lievitato che si aggiunge a quel sentore di aroma quasi alcolico misto al cioccolato, l’interno è ben lievitato, morbido e pieno di gocce di cioccolato semi sciolte: questi sono i pangoccioli che tutti noi amiamo e da oggi li potete rifare anche voi a casa con questa ricetta facilissima e ancora più sana della classica!

pangoccioli-fatti-in-casa-soffici

Pangoccioli fatti in casa: i migliori

Infatti, i Pangoccioli fatti in casa di oggi sono nettamente migliori di quelli che trovate confezionati nei supermercati o venduti nelle cornetterie notturne per almeno 2 motivi:

  • Il primo è perché sono fatti in casa e tutto ciò che viene fatto in casa è più sano, buono e preparato con amore
  • Il secondo motivo è che questi pangoccioli sono preparati senza uova, burro e latte. Lo so non si direbbe ma è così, io stessa ogni volta che li mangio devo ricordarmi che li ho fatti vegani perché né la consistenza né il sapore riescono a far trapelare questo piccolo segreto!

I pangoccioli vegani sono senza uova, senza latte e senza burro, sono dei morbidissimi e sofficissimi panini dolci con le gocce di cioccolato. L’impasto l’ho realizzato con farina, acqua, olio e lievito di birra: più semplice di così!

I pangoccioli fatti in casa senza burro e uova sono sofficissimi, leggeri come quelli del Mulino Bianco ma senza ingredienti chimici come coloranti, additivi o addensanti!

Per di più, in questa versione senza ingredienti di origine animale possono mangiarli veramente tutti: intolleranti al lattosio, alle uova, chi segue un’alimentazione vegana e chi sta a dieta ma si vuole concedere uno sfizio senza troppi grassi!

La ricetta è quella base delle brioches vegane o anche dette brioche all’acqua in quanto il liquido in questo caso non è il latte ma l’acqua tiepida.

panini-al-cioccolato

Come fare i Pangoccioli fatti in casa

L’impasto per realizzare i pangoccioli vegani è facilissimo, è possibile realizzarlo anche senza impastatrice o planetaria proprio per la sua semplicità d’esecuzione. Si prepara in pochi minuti, basta un’unica ciotola, e poi subito a lievitare, così abbiamo anche il tempo di riposarci e fare altro! I pangoccioli vegani sono perfetti per la prima colazione e sono ideali per la merenda dei propri bambini, soprattutto quando si hanno gli amichetti a casa così da mettere tutti di buon umore!

All’inizio ero un po’ scettica, ero convinta che mi venissero duri e non morbidi come quelli della pasticceria e invece sono veramente soffici, basta premerli per vedere come si schiacciano, anche il giorno dopo mantengono la loro fragranza, non c’è bisogno neanche di scaldarli al forno o al microonde!

In realtà con l’impasto di oggi potete realizzare quello che volete oltre ai pangoccioli: potete creare una treccia, delle semplici palline, dei cornetti o un unico panbrioche e potete variare il ripieno aggiungendo l’uvetta, la granella di zucchero in superficie o farcirli con nutella, marmellata o crema di pistacchio!

Con queste dosi realizzerete dai 14 ai 25 pangoccioli in base a quanto piccoli o grandi li volete.

Io ho realizzato 16 pangoccioli di media e grossa grandezza perché a noi piace addentare un bel panino al cioccolato e magari farcirlo anche con la crema! Ma se preferisci realizzare dei pangoccioli più piccoli non ci sono problemi taglia l’impasto in pezzi più piccoli, la grammatura deve essere intorno ai 40 grammi.

Ingredienti per l’impasto:

  • 500 grammi di farina 0
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 120 grammi di zucchero
  • 60 ml di olio di semi o di oliva
  • 8 grammi di lievito di birra fresco o 1 cucchiaino di lievito di birra secco
  • 1 cucchiaino di sale
  • 130 grammi di gocce di cioccolato

Ingredienti per gli aromi:

  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia o i semi di 1 stecca di vaniglia
  • Scorza di 1 arancia

Procedimento

In una ciotola sciogli il lievito di birra con l’acqua e uniscilo alla farina setacciata in una grossa ciotola. Unisci tutti gli ingredienti in ordine di come li ho scritti, compresi gli aromi.

Impastate con le mani o con il gancio se state utilizzando un’impastatrice fino ad incordare l’impasto. Capite che l’impasto è pronto quando non si attacca più alle pareti della ciotola o al piano di lavoro. Formate una palla e lasciatela lievitare ad una temperatura di 28 gradi fino al raddoppio del volume. Circa 4 ore.

Come dare la forma ai pangoccioli fatti in casa

Prendete l’impasto, tagliatelo a metà e formate un lungo cordone. Dividete l’impasto in pezzi da 45-50 o anche 60 grammi ciascuno.

Io li ho realizzati un po’ più grandi perché ne volevo ottenere di meno ma più grossi.

Per ottenere dei perfetti panini rotondi soffici e areati prendete la pallina di impasto e pirlatela. Vi rimando a questo video molto esplicativo su come fare!

Se questo metodo vi risulta troppo difficile si può pirlare anche in questo modo: con la parte bassa del palmo della mano portate il paninetto verso il vostro ventre, roteatelo con i palmi delle mani ai lati per un paio di volte fino ad ottenere una sfera liscia, omogenea e compatta. Man mano che formate i pangoccioli disponeteli in una teglia foderata di carta forno. Riponete a lievitare fino al raddoppio del volume (1-2H).

Grazie alla presenza dell’olio in buona percentuale non c’è bisogno di spennellare la superficie, diventeranno lucidi e si manterranno morbidi da soli! Cuocete in forno caldo a 180° per 15 minuti, sfornate e lasciateli raffreddare.

Se volete rendere i vostri pangoccioli ancora più belli esteticamente spennellateli con lo sciroppo di zucchero. Per vedere come si fa guarda la ricetta dei maritozzi romani!

I pangoccioli vegani, preparati in casa con semplicità e buoni come gli originali sono pronti!

Io vi consiglio di assaggiare un pangocciole caldo appena tirato fuori dal forno è una cosa indescrivibile!

Come conservare i pangoccioli fatti in casa senza farli indurire

I lievitati sono molto delicati e l’aria è nemica della morbidezza. Proprio per questo ti consiglio di lasciarli raffreddare per 30 minuti e poi di riporli immediatamente nelle bustine per alimenti o anche nella pellicola trasparente stessa. Sigillate bene per mantenere la loro fragranza. In questo modo sarete certi che per 2-3 giorni avrete dei pangoccioli soffici e profumati. È possibile anche congelare i pangoccioli per averli pronti all’occorrenza, basta riporli nei sacchetti una volta freddi e scaldarli per 5 minuti in forno caldo!

pangoccioli-al-cioccolato